Trauma craniocerebrale
TCC sta per "Trauma CranioCerebral". Questo va dalla semplice commozione cerebrale agli ematomi epidurali o subdurali alle lesioni assonali diffuse. Gran parte delle foto è dedicata alla gestione del PIC (IntraCranian Pressure).

Tuttavia, il messaggio essenziale riguardante la TCC rimane preventivo! È molto più facile evitarli che curarli! Si prega di indossare il casco quando si va in bicicletta, sciare, andare in scooter, ecc ... Si prega di rispettare i limiti di velocità! Grazie per aver indossato la cintura di sicurezza! Si prega di non guidare sotto l'effetto di alcol o droghe!
Epidemiologia del trauma craniocerebrale
Clinica - Classificazione del trauma cranico
TCC_glasgow6.png
Classificazione :

 

Ci sono molte classificazioni di TCC. Il più semplice è basato sul punteggio di Glasgow.

Il vantaggio di tali classificazioni è essenzialmente quello di poter confrontare i risultati o le strategie tra i centri e di facilitare la definizione di raccomandazioni di gestione (linee guida)

Punteggio di Glasgow :

 

Il punteggio di Glasgow si basa su 3 parametri:

  • Aprire gli occhi

  • Risposta motoria

  • Risposta verbale

TCC_glasgow1.png
TCC_glasgow2.png
Apertura degli occhi (1-4) :

 

L'apertura degli occhi è valutata su una scala da 1 (peggiore) a 4 (migliore):

  1. Nessuna apertura degli occhi

  2. Occhi aperti al dolore

  3. Apertura degli occhi su comando

  4. Apertura spontanea degli occhi

TCC_glasgow3.png
Risposta motoria (1-6) :

 

La risposta motoria è valutata su una scala da 1 (peggiore) a 6 (migliore):

  1. Nessuna risposta motoria

  2. Risposta motoria in estensione (postura di decerebrazione)

  3. Risposta motoria in flessione anormale (postura di decorticazione)

  4. Risposta motoria sfuggente al dolore

  5. Posizione del dolore

  6. Risposta agli ordini

TCC_glasgow4.png
Risposta verbale (1-5) :

 

La risposta verbale è valutata su una scala da 1 (peggiore) a 5 (migliore):

  1. Nessuna risposta verbale

  2. Emissione di suoni incomprensibili

  3. Parole inappropriate

  4. Disorientamento

  5. Orientamento

TCC_glasgow5.png
Punteggio di Glasgow :

 

Il punteggio totale varia quindi tra 3 e 15.

Quando c'è una differenza nella risposta tra destra e sinistra, è la risposta migliore che conta.

Quando l'esame viene eseguito più volte in un breve periodo di tempo, è anche la risposta migliore che conta.

Il punteggio di Glasgow ha dimostrato di essere altamente riproducibile all'interno dello stesso gruppo professionale (ad es. Diversi infermieri raggiungeranno lo stesso punteggio), ma tende ad aumentare con la specializzazione (un manager clinico otterrà prontamente un punteggio superiore a quello di un assistente medico).
Il punteggio di Glasgow è dinamico e varia nel tempo. A causa della variabilità tra i gruppi professionali, è preferibile che questo punteggio sia sistematicamente eseguito dalla stessa categoria professionale.
TCC_eval1.png
Valutazione dei TCC :

 

Lo scopo del punteggio di Glasgow è valutare lo stato di coscienza del paziente, ma sono importanti anche altri elementi clinici:

  • Riflessi del tronco cerebrale

  • Esame neurologico ristretto

  • Valutazione cardiorespiratoria

La clinica da sola non consente la gestione ottimale del trauma cranico e la valutazione radiologica cerebrale (TAC, ...) e spinale (RX cervicale, TAC, ...) fa parte della valutazione di base.

Gestione del trauma craniocerebrale
TCC_prise1.png
Gestione del trauma craniocerebrale:

 

Il problema principale nella gestione del trauma cranico è che influenza il futuro solo di una minoranza di pazienti e questo può portare a una demotivazione delle squadre di cura prese con un estremo fatalismo. Tuttavia, una volta integrati questi dati, le strategie sviluppate per ottimizzare la gestione delle lesioni cerebrali traumatiche assumono il loro pieno significato.

Prima di entrare nei dettagli della cura del trauma cranico, è necessario conoscere le diverse patologie che si possono incontrare.

Lesioni focali vs lesioni diffuse
Esistono 2 categorie principali di lesioni nel trauma cranico: a) lesioni focali eb) lesioni diffuse. Molto spesso questi 2 tipi di lesioni sono associati, ma con un peso molto variabile. Al fine di comprendere meglio i rispettivi trattamenti, vengono descritti separatamente.
Lesioni focali
Lesioni focali :

 

Le lesioni focali possono coinvolgere gli involucri del cervello o il cervello stesso.

Le principali lesioni focali sono:

  • Ematoma epidurale

  • Ematoma subdurale acuto

  • Ematoma subdurale cronico

  • Contusioni cerebrali

  • Ematoma intracerebrale

  • Frattura incorporata

  • Fistola carotideo-cavernosa

  • Frattura della base

  • Ferite cerebrali dirette (proiettile, oggetto perforante, ...)

78111197_3372380789469043_52144643503407
Ematoma epidurale
TCC épidural1.png
TCC épidural3.png
TCC épidural2.png
TCC épidural9.png
TCC épidural8.png
TCC épidural4.png
TCC épidural5.png
TCC épidural7.png
TCC épidural6.png
Ematoma subdurale acuto
TCC_ssdural_1.png
TCC_ssdural_2.png
TCC_ssdural_3.png
TCC_ssdural_6.png
TCC_ssdural_4.png
TCC_ssdural_7.png
TCC_ssdural_5.png
Ematoma subdurale cronico
TCC_ssduralchronique_1.png
TCC_ssduralchronique_4.png
TCC_ssduralchronique_5.png
TCC_ssduralchronique_3.png
TCC_ssduralchronique_2.png
Contusioni cerebrali
TCC_contusions_1.png
Frattura incorporata
Fracture_embarrée_1.png
Fracture_embarrée_2.png
TCC_embarure1.png
TCC_embarure2.png
Fracture_embarrée_3.png
Fracture_embarrée_4.png
Fracture_embarrée_5.png
Frattura della base del cranio
TCC_base1.png
TCC_base2.png
TCC_base4.png
TCC_base3.png
Ferite perforanti
TCC_balle1.png
Fistola carotideo-cavernosa
TCC_fistule_1.png
Lesioni diffuse
Concussione
TCC-diffus1.png
Lesioni assonali diffuse
TCC-diffus8.png
TCC-diffus2.png
TCC-diffus6.png
TCC-diffus3.png
TCC-diffus4.png
TCC-diffus7.png
TCC-diffus5.png
Gestione del trauma craniocerebrale grave
TCC_prise1.png
Pur tenendo presente che gli sforzi nella gestione avranno un impatto solo su una minoranza di pazienti, ci sono essenzialmente 3 obiettivi nel trattamento acuto del trauma cranico:
  • Ridurre al minimo l'impatto delle lesioni primarie (es: evacuazione di un ematoma epidurale)
  • Evitare o ridurre al minimo le lesioni secondarie (ad esempio: correlate all'ipertensione intracranica)
  • Evita complicazioni extracerebrali (es. Ulcera)
Una volta superata la fase acuta, l'obiettivo della gestione sarà quello di massimizzare il recupero funzionale.
TCC_grave_but.png
TCC_prise4.png
TCC_prise2.png
TCC_prise3.png
Ipertensione intracranica
TCC_cushing1.png
TCC_engage1.png
Engagement_cérebelleux.png
TCC_hyperémie.png
TCC_pic2.png
TCC_pic1.png
TCC_tam1.png
TCC_pic3.png
TCC_pic4.png
TCC_pic7.png
TCC_pic6.png
TCC_pic5.png
TCC_pic8.png
TCC_pic9.png
TCC_sjo2.png
TCC_extract.png
Morte cerebrale
Braindeath2.PNG
Braindeath3.PNG
Braindeath17.PNG
Braindeath11.PNG
Braindeath12.PNG
Braindeath13.PNG
Braindeath4.PNG
Braindeath5.PNG
Braindeath6.PNG
Braindeath7.PNG
Braindeath8.PNG
Braindeath9.PNG
Braindeath14.PNG
Braindeath15.PNG
Braindeath10.PNG
Braindeath16.PNG