Protezione dalle radiazioni
Symbole radiations ionisantes
Gli obiettivi della protezione dalle radiazioni sono limitare l'esposizione
radiazioni ionizzanti sia per il paziente, che per il
persone vicine e per il personale sanitario.
Molti elementi contribuiranno a questa gestione
protezione dalle radiazioni:

 

  • I locali devono essere adeguatamente protetti (tipo
    pareti, impianti idraulici, ecc ...). Viene presentato un piano dei locali e
    controllata dall'OFSP . La nostra struttura dispone di 2 sedi validate
    dall'UFSP: uno studio di radiologia per radiografie e
    una sala operatoria per procedure fluoroscopiche .
     

  • I locali destinati all'uso di radiazioni ionizzanti devono essere segnalati per impedire l'ingresso prematuro di persone durante lo svolgimento degli esami.
     

  • I dispositivi utilizzati beneficiano di una validazione annuale controllata dall'OFSP al fine di garantirne il funzionamento ottimale.
     

  • L'uso dei dispositivi e il controllo delle misure di protezione dalle radiazioni è responsabilità di un esperto di radioprotezione (formazione svolta presso l'Istituto di radiofisica applicata di Losanna (IRA) e convalidata dall'OFSP ). Per il nostro centro, sia il dott. J. Favre che il dott. S. Morrone sono esperti certificati in radioprotezione.
     

  • Medici, assistenti medici e altri operatori in sala operatoria e in sala radiologia beneficiano della formazione continua da parte dell'esperto in radioprotezione.
     

  • Tutti i lavoratori in sala radiologia e in sala operatoria sono monitorati da un dosimetro personale noleggiato dall'IRA. Un rapporto sulle dosi individuali viene fornito mensilmente dall'IRA e pubblicato negli spogliatoi del personale affinché tutti possano esaminarlo.
     

  • Viene conservato un registro delle esposizioni per sapere con precisione a quali azioni ha partecipato ogni assistente medico e le dosi fornite dalla fluoroscopia per queste azioni.
     

  • I dispositivi utilizzati nel nostro centro sono di ultima generazione sia per i raggi X che per la fluoroscopia, con conseguente significativa riduzione delle dosi utilizzate rispetto ai dispositivi di vecchia generazione.
     

  • Tutte le procedure vengono eseguite da medici esperti con condizioni di visione ottimali (tavolo in carbonio, schermi multipli, luce ambientale ottimizzata), il che limita notevolmente la durata della fluoroscopia.
     

  • La dimensione della sala operatoria è di poco superiore ai 30 m2, il che consente una distanza ottimale tra la sorgente dei raggi e gli addetti. Poiché la dose diminuisce con il quadrato della distanza, ciò ha un impatto significativo sulla dose ricevuta dal personale.
     

  • Oltre alle misure di protezione personale dalle radiazioni (grembiule di piombo, protezione per la tiroide, occhiali e guanti di piombo), utilizziamo un divisorio mobile con piombo e le alette di piombo sono installate sotto il tavolo operatorio.
     

  • Viene utilizzata una modalità di fluoroscopia pulsata anziché la fluoroscopia continua, che riduce significativamente la dose ricevuta dal paziente.
     

  • Per la fluoroscopia, il sensore piano viene portato il più vicino possibile al paziente (lasciando uno spazio di lavoro sufficiente per l'operatore) per ridurre la radiazione indiretta che è la più dannosa.
     

  • Il monitoraggio del paziente tramite telecamera anziché il monitoraggio diretto viene eseguito per i raggi X che prevengono l'esposizione accidentale del personale.

Domande frequenti