Craniotomia
Fissazione della testa:

 

Per evitare che la testa si muova durante l'operazione, deve essere fissata rigidamente senza interferire con l'avvicinamento.

Il sistema più utilizzato è il telaio Mayfield come mostrato nella foto a destra.

Questo telaio è fissato alla testa da 3 punti che penetrano fino all'osso e il telaio stesso è fissato al tavolo operatorio.

Mayfield Framework:

 

Il telaio Mayfield è un sistema di ancoraggio a 3 punti. La parte diritta con 2 punti può inclinarsi e ruotare sul proprio asse. Una volta scelta la posizione, viene bloccata (quadrante esterno).

Mayfield Framework:

 

L'immagine sopra mostra una delle punte che scavano nel telaio. Ci sono consigli speciali per i bambini con ossa più sottili.

Un trasduttore di forza caricato a molla fa parte di questo elemento di fissaggio, che consente di controllare la profondità di penetrazione nell'osso.

Incisione del cuoio capelluto:

 

Il cuoio capelluto è molto vascolarizzato e l'emostasi è quindi molto importante.

 

I vasi vengono prima coagulati mediante coagulazione bipolare, quindi il cuoio capelluto viene compresso da clip (Raney) in plastica o metallo.

Una vecchia alternativa alle clip era quella di utilizzare più piccole clip metalliche (Dandy).

Esposizione dell'osso:

 

Il lembo cutaneo (con il periostio retratto) viene avvolto in un impacco umido e retratto da ganci messi in tensione con molle. Ciò consente una migliore esposizione dell'osso e contribuisce all'emostasi.

Apertura dell'osso:

 

Un foro di trapano viene realizzato con un trapano elettrico (a volte diversi a seconda della posizione della craniotomia), quindi l'osso viene tagliato con un craniotomo partendo dal foro di trapano.

Storicamente i fori del trapano venivano realizzati con una specie di albero motore e tra i fori veniva fatta passare una sega a filo per tagliare l'osso (sega di Gigli).

Apertura della dura madre:

 

Una volta realizzata l'apertura ossea, il lembo osseo viene separato dallo strato sottostante che si chiama dura madre. Questa dura è molto forte e viene incisa e poi ripiegata in uno speciale impacco umido (a destra dell'immagine).

Una volta che la dura madre è ripiegata, c'è un sottile strato trasparente chiamato aracnoide. Questo strato trattiene il liquido cerebrospinale (CSF).

Apertura della corteccia:

 

A seconda dell'operazione eseguita, apriremo spesso un solco, scendiamo lungo di esso e apriremo l'ultimo strato delle meningi (pia madre) che è aderente al cervello ed entra nella corteccia.

Intervento cerebrale:

 

I tipi di intervento sono molteplici (resezione di un tumore, di una parte del cervello che crea crisi epilettiche, di una lesione vascolare, ecc.). Nella foto a destra, era la resezione di un tumore chiamato glioblastoma.

Tempo emostatico:

 

Nel cranio si deve ottenere un'emostasi perfetta, perché un eventuale ematoma non potrebbe fuoriuscire (il cranio essendo chiuso) e comprimerebbe il cervello. Sono disponibili più prodotti emostatici per completare l'emostasi ottenuta con la coagulazione bipolare.

Chiusura:

 

Il lembo osseo viene quindi sostituito e fissato con micropiastre in titanio. Esistono varie forme e speciali per coprire i fori delle punte.

In passato l'otturatore era sospeso con fili resistenti e non assorbibili ed era importante smussare l'osso per evitare che l'otturatore affondasse all'interno del cranio.

+41 21 923 3848

  • Facebook
© Copyright Jacques Favre 2017-2020